Problemi comportamentali
Alessandra Monti

Molti Direhorse vengono addomesticati per aiutare i cavalieri durante la caccia o la battaglia. Per cavalcare un Direhorse è necessario un legame di connessione neurale mediante le antenne dell’animale e la coda del Na’vi: le terminazioni nervose si intrecciano automaticamente, quasi come se in possesso di libero arbitrio. Una volta intrecciati, il Na’vi è in grado di comunicare istantaneamente tramite interfaccia neurale con il Direhorse. Avatar

I cani non possono avere comportamenti sbagliati, ma eventualmente comportamenti che sono espressione di malessere o incomprensione.
Il cane è entrato nella nostra vita in modo profondo ed empatico e la relazione è diventata più interessante e complessa ma non sempre è facile comprendere come questo legame di connessione conduca il cane a riflettere le nostre difficoltà e come, in modo anche fastidioso, il cane ci inviti ad affrontarle.

Il cane è un essere senziente con una personalità che si esprime attraverso intenti, istinti, emozioni e comportamenti, come noi la esprimiamo attraverso il corpo mentale, il corpo emozionale e il corpo fisico; ma è attraverso le emozioni (corpo emozionale o astrale) che i cani entrano principalmente in risonanza con noi.
Per questo motivo valutare i disturbi del comportamento che manifesta il cane, osservando solamente il cane significa farsi un quadro decisamente incompleto.

Relazionarsi con un cane è un continuo palleggiare fra l’osservazione di se stessi e l’ascolto dell’altro cercando di allineare in modo coerente intenti, emozioni e comportamenti.

Altre volte vengono confusi per problemi comportamentali i comportamenti tipici di specie o i comportamenti specifici di razza:
“Aiuto, mio canelupo si comporta come un predatore”
“Il mio doberman fa la guardia”
“Il mio setter è fissato con la caccia”
“Il mio border vuole sempre fare qualcosa”

Alla fine ci sono i problemi comportamentali dovuti a patologie o all’alimentazione.
Ovviamente l’ambito farmacologico, neurologico e psichiatrico è esclusiva competenza del veterinario.